Instagram Soundcloud Facebook YouTube Official Channel Reverbnation Myspace Twitter
news
bios
discos
lyrics
mp3
reviews
live
media
contacts
Martiria Official Website Martiria Official Website Martiria Official Website Martiria Official Website Martiria Official Website
HomePage Write us Contatta il WebMaster
Save the Children Italia Onlus
Breaking News Martiria 2022
Free Mp3s download
>>CLICK HERE <<

Shortly about us

Martiria is an epic/doom metal rock band formed back in the '80s and re-founded (after a long pause) in 2002. Seven album published (last one R-Evolution, with ex Black Sabbath Vinny Appice - 2014).

The band was formed back in the '80s. At the beginning the band was very much oriented towards Doom/Metal sounds such as: early Candlemass and Black Sabbath. After releasing just a few demos and featuring various musicians, in 1998 the members of the group decide to take a break for a while in order to experience different projects. (continue)

News and LIVE shows

Uh... it seems we have none planned right now.

Why don't you invite is in your local club?

mrc@martiria.com
(Booking info & more)

 RAILHAMMER PICKUPS

Info & booking
info@martiria.com

Reviews & Interviews
Reviews / Interviews

Album: Time of truth ( 2008 )

REVIEW

Date: October '08
Author: Marco Aimasso
Vote: 90%
Language: Italian
Website: https://www.metal.it
Direct link: click here

Un disco incredibilmente valoroso per una band da annoverare nella ridotta schiera di quegli “eletti” ancora capaci di incarnare, con coerenza, ispirazione e credibilità, lo spirito “senza tempo” dell’heavy metal “mitologico”

E’ sempre piuttosto difficile tentare di “spiegare” con le parole i dischi dei Martiria, nello stesso modo in cui non è affatto agevole raccontare un’opera d’arte.
Perché di questo in fondo si tratta, di opere d’arte: rigorose, armoniose, imprevedibili, fosche, intense, prezioso patrimonio di coloro che sanno apprezzare appieno l’alone mistico, le nebbie tenebrose, l’enfasi catartica e l’eroica forza espressiva che esse sono in grado di sprigionare.
Anche per questo terzo capitolo l’unico riferimento stilistico veramente plausibile è quello dei favolosi Warlord, ma come ho già avuto modo di affermare in passato, non c’è la minima ombra di sofisma in questa nobile forma d’allusione. Unici e irripetibili sono stati i Signori della Guerra californiani e originale ed inconfondibile appare oggi il suono dell’act capitolino, mentre gli elementi comuni sono da individuare in un similare approccio culturale alla materia e in un analogo “sacro fuoco” ispirativo.
Questo ricorrente paragone comunque potrebbe risultare per alcuni una forma di “dolce” condanna dalla quale cercare di affrancarsi il più possibile, ma non per i nostri, che decidono addirittura di concedere apertamente il fianco a chi eventualmente volesse accusarli con leggerezza di una palese dipendenza, affrontando una rilettura della magistrale “Soliloquy”, una delle scintillanti gemme dei maestri di San Josè che qui diventa una disperata ballata liturgica pregna di grandeur (enorme la prova di Anderson), dimostrando tutto il temperamento e la personalità di una band che non ha paura di esibire le sue affezioni artistiche ed è consapevole di poterle affrontare con il dovuto rispetto e tuttavia anche con un’imprescindibile creatività individuale.
Con il contributo di sobrie e razionali strutture corali di stampo “operistico”, “Time of truth” manifesta tutta la sua grandezza in una maniera probabilmente più “diretta” dei suoi predecessori, eppure ciò non adombra minimamente la sua carica trionfale, la sua leggiadria epica e la sua magia gotico-medievale, orchestrate ancora una volta dalle liriche del poeta Marco Capelli (impegnato pure come narratore nel prologo e nell’epilogo dell’albo), dalla penna, dalla chitarra e dalle tastiere maliose e vibranti di Andy Menario e dalla voce arcana ed incantevole di Rick Anderson, le quali, con il fattivo contributo di una pulsante sezione ritmica (composta da Derek Maniscalco e dalla new entry Fabrizio La Fauci) compongono e scompongono, con una perfetta sintonia d’intenti, note maestose ed estasi fascinose, realizzando immaginifici scenari musicali di straordinaria avvenenza.
Le pennellate che tratteggiano questa particolare tipologia di tela sono le canzoni: tetre e solenni, melodicamente avvincenti, articolate e traenti, elegiache e intrise di dramma, esse si manifestano catturando incessantemente gli “occhi” e gli altri sensi, stregando l’ascoltatore appassionato, incapace alla fine di operare delle discriminazioni e di distogliere lo “sguardo” da uno spettacolo il cui potere suggestivo si rivela emotivamente tirannico.
Un disco incredibilmente valoroso per una band da annoverare nella ridotta schiera di quegli “eletti” ancora capaci di incarnare, con coerenza, ispirazione e credibilità, lo spirito “senza tempo” dell’heavy metal “mitologico” più autentico, maturo ed incantatore, e se questi sono concetti che in qualche modo hanno un significato per Voi, non credo sia necessario aggiungere altro per indicarvi cosa fare per arricchire opportunamente la Vs. “pinacoteca” personale.

© Marco Aimasso

 

Page exposures
112

Site total exposures: 3172744
Web developement Marco R. Capelli - marco_roberto_capelli@yahoo.com
© 2013- All rights reserved
 
Twitter Facebook YouTube Official Channel