Facebook YouTube Official Channel Reverbnation Zimbalam (download Martiria's music) Myspace Twitter
news
bios
discos
lyrics
mp3
reviews
live
media
contacts
Martiria Official Website Martiria Official Website Martiria Official Website Martiria Official Website Martiria Official Website
HomePage Write us Contatta il WebMaster
Save the Children Italia Onlus
R-Evolution trailer

Shortly about us

Martiria is an epic/doom metal rock band formed back in the '80s and re-founded (after a long pause) in 2002. Five album published (last one R-Evolution, with ex Black Sabbath Vinny Appice - 2014).

The band was formed back in the '80s. At the beginning the band was very much oriented towards Doom/Metal sounds such as: early Candlemass and Black Sabbath. After releasing just a few demos and featuring various musicians, in 1998 the members of the group decide to take a break for a while in order to experience different projects. (continue)

News and LIVE shows

Uh... it seems we have none planned right now.

Why don't you invite is in your local club?

mrc@martiria.com
(Booking info & more)

   

 RAILHAMMER PICKUPS

Info & booking
info@martiria.com

Reviews & Interviews
Reviews / Interviews

Album: The Eternal Soul REISSUE ( 2013 )

REVIEW

Date: June '13
Author: Gabriele Nunziante
Vote: 80%
Language: Italian
Website: http://www.italianmetal.it
Direct link: click here

citando lo stesso Rick Anderson, Martiria vive!

Era il 2004 quando i Martiria pubblicavano tramite la Hellion Records il loro primo album, 'The Eternal Soul'. La band originaria di Roma, pur essendo attiva fin dalla seconda metà degli anni '80, aveva dovuto attendere oltre 15 anni per arrivare al proprio debutto, un lavoro che, pur ancora non ai livelli dei successivi, aveva permesso agli appassionati di apprezzare l'epic metal raffinato proposto da Andy Menario e compagni. Già irreperibile da diversi anni, arriva finalmente nel 2013 la ristampa di questo primo album grazie alla My Graveyard Productions che, per rendere ancora più preziosa questa edizione, aggiunge un secondo disco che immortala la band al Play It Loud! III dove, per la prima e unica volta, i Martiria si esibirono con Rick Anderson al microfono.
Inutile quindi aggiungere come questa ristampa di 'The Eternal Soul' sia un "piccolo" capolavoro per gli appassionati dei epic metal: a partire dalla lussuosa edizione in digipak proposta, fino alla rimasterizzazione completa dell'introvabile 'The Eternal Soul', quindi un live CD di 40 minuti che raccoglie tutta l'esibizione live che nel 2009 presentò finalmente dal vivo l'ex-cantante dei Warlord e i tre Martiria ai tanti (ma sempre troppo pochi) partecipanti alla terza edizione del Play It Loud.

Ed è proprio dal live CD che partiamo per questa recensione. L'esibizione dei Martiria, che purtroppo risultò un po' bistratta da un pubblico già abbastanza stanco dopo sei band e poco incline verso un metal più complesso e meno di impatto, risultò comunque convincente alle orecchie degli appassionati della band romana. Band che, nei tre quarti d'ora a loro assegnati, riuscì a includere i brani più interessanti dei loro tre lavori in studio fino ad allora pubblicati, ovvero 'Time of Truth' (2008), 'The Age of the Return' (2005) e naturalmente 'The Eternal Soul' (2004). Le atmosfere di "The Cross" risultano fin da subito accattivanti nel cantato evocativo di Rick Anderson e nella precisione strumentale di un trio composto da Andy Menario (chitarra), Derek Maniscalco (basso) e Fabrizio La Fauci (batteria), atmosfere sull'epic meno fiero e battagliero, bensì più lento, a tratti quasi doom negli intenti, capace comunque di tirar fuori la grinta nei riff di chitarra. "Misunderstandings" ne è ancor più l'esempio, brano che va dritto al punto nelle sue melodie facilmente riconoscibili e a tratti ancor più convincente della sua versione in studio, mentre la parentesi dedicata a 'The Eternal Soul' ci presenta "The Most Part of the Men", più sull'heavy ma inconfondibile nei riff alla Martiria, e "Celtic Lands", brano che se parte lento assume pian piano più carica nelle sue cavalcate chitarristiche. "Prometeus" e "Give me a Hero" ci portano a 'Time of Truth', due brani che mostrano oramai la completa maturazione dei Martiria, ancor più complessi nelle loro strutture ma non meno interessanti, mentre il finale ci è consegnato con "The Age of the Return", particolarissima nella sua carica e nelle sue melodie.

Quando 'The Eternal Soul' uscì nel 2004 venne accolto abbastanza tiepidamente da un pubblico che nell'epic cercava tutt'altre atmosfere, salvo poi rivalutare l'opera della band grazie ai seguenti lavori in studio. È pur vero che anche oggi, alla luce dei successivi 'The Age of the Return' e 'Time of Truth', 'The Eternal Soul' sembra solo il primo passo, a tratti quasi ancora incerto, verso quanto i Martiria esprimeranno negli anni seguenti. In questa versione rimasterizzata della My Graveyard Productions riescono però a spiccare diversi brani che già nella prima edizione avevano colpito gli appassionati: scorrono così tracce senza tempo come "The Ancient Lord", calma inizialmente nelle sue atmosfere medievaleggianti ma che subito mette in chiaro i riferimenti della band, o "Arthur", travolgente nel suo inconfondibile riff principale, fino alle già citate "Celtic Lands" e "The Most Part of the Men". "Babylon Fire" è un lento dalle atmosfere epiche fra i più evocativi mai composti, così come "Winter", altro lento, ha dalla sua una ricerca tanto strumentale quanto vocale che pone i Martiria alla continua scoperta del proprio potenziale. Fra queste un'altra serie di ottimi brani, da "The Gray Outside", i cui riff ritroveremo nei successivi lavori come un marchio di fabbrica della band, alle potentissime "The Soldier and the Sky" e "Romans and Celts", fino a "Fairies" che, se non abbiamo potuto sentire dal vivo al Play It Loud (era effettivamente in scaletta, forse tagliata per i tempi ristretti), possiamo comunque goderci qui su disco, un brano esplosivo che se proposto dal vivo avrebbe sicuramente infiammato il pubblico.

In definitiva questa ristampa di 'The Eternal Soul' è qualcosa che effettivamente ci voleva, tanto più se impreziosita da un disco live che dimostra la validità dei Martiria anche in questa dimensione. Con questa ristampa si chiude definitivamente anche il percorso artistico condiviso con Rick Anderson che, uscito dalla band alla fine del 2011 e rientrato nei riformatisi Warlord, è stato il tratto caratterizzante dei Martiria nel loro ultimo decennio di attività. La band sembra che proprio da quel concerto al Play It Loud abbia ripreso saldamente le redini dell'attività: nel giro di quattro anni sono tornati con due nuovi lavori in studio ('On the Way Back' e 'Roma S.P.Q.R.'), la partecipazione al tributo degli Omen con il brano "Don't Fear the Night" e infine questa ristampa, mentre non sembrano volersi arrestare davanti a niente, tanto che li troviamo già al lavoro su un nuovo album di cui forse il 2014 vedrà la pubblicazione. Questa ristampa con live è il giusto modo per ingannare l'attesa, sempre all'insegna di un epic metal raffinato: citando lo stesso Rick Anderson durante il loro live, Martiria vive!

© Gabriele Nunziante

 

Page exposures
828

Site total exposures: 900245
Web developement Marco R. Capelli - marco_roberto_capelli@yahoo.com
© 2013- All rights reserved
 
Twitter Facebook YouTube Official Channel