Facebook YouTube Official Channel Reverbnation Zimbalam (download Martiria's music) Myspace Twitter
news
bios
discos
lyrics
mp3
reviews
live
media
contacts
Martiria Official Website Martiria Official Website Martiria Official Website Martiria Official Website Martiria Official Website
HomePage Write us Contatta il WebMaster
Save the Children Italia Onlus
R-Evolution trailer

Shortly about us

Martiria is an epic/doom metal rock band formed back in the '80s and re-founded (after a long pause) in 2002. Five album published (last one R-Evolution, with ex Black Sabbath Vinny Appice - 2014).

The band was formed back in the '80s. At the beginning the band was very much oriented towards Doom/Metal sounds such as: early Candlemass and Black Sabbath. After releasing just a few demos and featuring various musicians, in 1998 the members of the group decide to take a break for a while in order to experience different projects. (continue)

News and LIVE shows

Uh... it seems we have none planned right now.

Why don't you invite is in your local club?

mrc@martiria.com
(Booking info & more)

   

 RAILHAMMER PICKUPS

Info & booking
info@martiria.com

Reviews & Interviews
Reviews / Interviews

Album: On the way back ( 2011 )

REVIEW

Date: June '11
Author: Marco Aimasso
Vote: n/a
Language: Italian
Website: http://www.metal.it
Direct link: click here

(un album) in grado, tra l’altro, di svelare continue sfumature inedite, anche dopo un elevatissimo numero di ascolti.

Cambiano, i Martiria.
Innanzi tutto etichetta, passando dall’Underground Symphony alla My Graveyard Productions, e poi qualcosa pure nelle prospettive stilistiche, che oggi li porta ad enfatizzare in maniera più evidente la componente oscura della loro straordinaria proposta musicale, recuperando, così, l’approccio sostenuto durante gli esordi assoluti del gruppo.
Quello che non cambia è il risultato, quasi a voler tener fede ad una sorta di proprietà transitiva applicata alle forme d’arte, per la quale, quando i protagonisti della situazione sono autentici fuoriclasse, anche mutando l’ordine dei fattori, l’effetto non può che essere una suggestione emotiva talmente prepotente da rimanerne davvero soggiogati.
Del resto, stiamo parlando di due label italiane note per la loro passione e professionalità e di una delle formazioni più abili nello sprigionare tutta la sua drammatica carica espressiva, per cui, francamente, anche quell’eventuale pizzico di “ansia” che quasi fatalmente si accompagna a tutte le fasi di “rinnovamento”, in questo caso non poteva rappresentare una vera preoccupazione.
“On the way back” è, dunque, ancora una volta, un albo eccezionale, profondamente intriso della personalità tipica della band romana, marchiato da una prova vocale davvero enorme per intensità e passionalità e musicalmente così variegato da “sembrare” più complesso dei suoi illustri predecessori, ma che, una volta entrati in sintonia, non consentirà tanto facilmente una “comoda” sostituzione nel "piatto" del vostro lettore Cd.
Lo “spostamento” verso visioni maggiormente cupe e introspettive non ha, come anticipato, per nulla limitato le strepitose capacità immaginifiche e comunicative del gruppo grazie soprattutto ad una “rarità” come Richard Martin Anderson, un magistrale narratore delle emozioni che qui, se possibile, accentua ulteriormente le possibilità empatiche che il buon Dio ha generosamente elargito alla sua laringe (attraverso una prova da utilizzare come modello per quei cantanti che basano tutto sull’estensione!), e grazie ad un musicista sopraffino come Andrea "Menario" Menarini, del tutto disinteressato a “soffocare” l’astante con una cortina di sonorità forzatamente opprimenti e distorte o di replicare acriticamente riff consunti (soluzioni sempre abbastanza frequentate nel settore) … la sua creatività e la sua sensibilità lo portano, invece, a scandire fraseggi e linee melodiche sempre “ad ampio respiro”, anche nei frangenti più drammatici e funesti, ad alternare sapientemente pause e progressioni, dilatando e ampliando il tutto attraverso l’uso sagace delle tastiere (che conservano, a tratti, un vago retrogusto deliziosamente Kornarens-iano) e un’inserzione davvero preziosa dei segmenti acustici.
Aggiungete una sezione ritmica veramente impeccabile (plauso particolare va al drummer Umberto Spiniello, un’altra “novità”, tra l’altro … visto di recente anche negli Stamina) e otterrete l’ennesimo capolavoro dei Martiria, in un universo ricco di passione e di dolore, di estasi e di sogno, di magia e di spiritualità, di tristi presagi e, infine, di morte … una cosmogonia di sentimenti innati e di ancestrali forze magnetiche, spesso inspiegabili, da cui proprio non si può fuggire.
“Drought”, “Apocalypse”, “Ashes to ashes” (un gioiellino di volubile tensione sensoriale, gratificato da un enfatico refrain), “The Sower”, la già nota “Gilgamesh”, la vibrante litania “The slaughter of the guilties” e l’inquietudine commovente di “You brought me sorrow” (azzardando un po’, una sorta di Pink Floyd meets Candlemass), sono solo alcune delle situazioni da rimarcare per un lavoro che pur meritando un’ampia trattazione per ogni singolo episodio, vive, come di consueto tra le mura di questo brumoso maniero capitolino, sull’impeto di un’ispirazione “globale”, in grado, tra l’altro, di svelare continue sfumature inedite, anche dopo un elevatissimo numero di ascolti.
Ora la speranza è che, in tempi spesso inutilmente frenetici, di musica “usa & getta”, in cui è troppo frequente veder “gratificare” il “trend” a discapito del talento autentico, quello dei Martiria abbia il medesimo appeal, tra i cultori del doom / epic-metal, dei nomi più importanti del genere, un ruolo che hanno costruito con tre lavori in crescendo e che oggi consolidano con questo “On the way back”.

© Marco Aimasso

 

Page exposures
859

Site total exposures: 900203
Web developement Marco R. Capelli - marco_roberto_capelli@yahoo.com
© 2013- All rights reserved
 
Twitter Facebook YouTube Official Channel